• Italiano
  • English

Avviso docente

SCHEMA DI ESPOSIZIONE DEI CASI

1. ILLUSTRAZIONE DELLA DISCIPLINA DA APPLICARE AL CASO.
In sede di esposizione all’aula occorre illustrare gli aspetti rilevanti della disciplina per la definizione del caso. La disciplina di riferimento è quella indicata nel titolo del caso. In aggiunta il Gruppo deve indicare le norme giuridiche che trovano applicazione nel caso specifico e della cui applicazione o interpretazione si controverte.
2. ILLUSTRAZIONE DEL CASO E DELLA POSIZIONE DELLE PARTI.
Articolata la premessa, occorre illustrare brevemente la vicenda che è controversa e le posizioni che sono state sostenute dalle parti in essa coinvolte (la parte che ha proposto l’azione e la parte che ha resistito all’azione), ricorrendo alle norme ed alla loro interpretazione da parte della dottrina, dei giudici (Cassazione, altri giudici) o delle Autorità amministrative (AGCM, Garante Privacy, ecc.).
3. DECISIONE DEL CASO.
Infine è necessario illustrare la decisione adottata, spiegandone succintamente le ragioni ed anche in questo caso ricorrendo alle norme ed alla loro interpretazione da parte della dottrina, dei giudici (Cassazione, altri giudici) o delle Autorità amministrative (AGCM, Garante Privacy, ecc.).
L’esposizione di ogni caso, secondo lo schema indicato, deve essere realizzata tramite un file PowerPoint in cui sono esposti i passaggi essenziali, il cui contenuto va esplicitato oralmente. Il tutto deve svolgersi in un tempo massimo di 5-7 minuti.
I casi assegnati dal Docente a ciascun gruppo di lavoro non possono essere cambiati da un gruppo ad un altro gruppo. Il numero del caso individua anche il numero del gruppo a cui il caso stesso è assegnato (ad esempio il caso 1 si intende assegnato al gruppo 1). Alcuni casi possono risultare assegnati a più di un gruppo (ad esempio caso 1-5 si intende assegnato ai gruppi 1 (e 5)).

Pubblicato Lunedì, 10 Aprile, 2017 - 16:50 | ultima modifica Lunedì, 10 Aprile, 2017 - 16:50